IL NEGOZIO

“In una condizione di ascolto e consapevolezza, perchè scegliere un alimento dolce deve farmi sentire in colpa?”

Da questa domanda è partita la mia avventura.

Il cibo è sempre stato un fedele compagno di viaggio che mi ha tenuto la mano e mi ha supportato in ogni momento, ma se dovessi scegliere il cibo con cui segnare ogni tappa della mia vita, sceglierei i dolci. Il mio primo ricordo è legato a mia madre che che mi avvolge in una coperta e abbracciandomi, mi porge un biscotto.

Crescendo, il mio rapporto con il dolce si è ridimensionato: da custode di teneri ricordi, ho iniziato a percepirlo come portatore inesauribile di “calorie cattive” e di sensi di colpa grazie alle mode alimentari del momento. Ogni tanto mi chiedevo:” Ciò che è vero per gli altri, è vero anche per me?”, ma non trovavo mai il tempo per ascoltarmi: seguire le regole mi dava stabilità, anche se erano le regole di qualcun’altro. Il mio rapporto con il cibo è cambiato drasticamente quando il mio corpo ha iniziato a inviare segnali di disagio. “Sei intollerante al lattosio, intollerante al glutine e meglio se limiti lo zucchero”. disse la naturopata. 

Ho iniziato a chiedermi cosa significa “nutrirsi” e ho incominciato ad esplorare studi, pubblicazioni e tradizioni popolari a volte solo leggendo.Dieta mediterranea, macrobiotica, metodo kousmine, dieta paleo, cheto, vegana, del gruppo sanguigno, low carb: alcune di queste mi hanno appassionato talmente tanto da stravolgere le mie abitudini alimentari per testare se facevano per me. Ognuno di questi stili alimentari mi ha arricchita e mi ha insegnato come trattare gli ingredienti e come valorizzarne le caratteristiche, accompagnandomi alla scoperta di modi diversi di vivere il nutrimento.

Nel frattempo, ho portato avanti il mio amore per il dolce, e mi sono chiesta: ”In una condizione di ascolto e consapevolezza, perchè scegliere un alimento dolce deve farmi sentire in colpa?”

Sono partita dalla ricerca, studiando gli ingredienti e le loro combinazioni con l’obiettivo di creare ricette dolci, che incontrano le esigenze alimentare di chi predilige una dieta senza lattosio, attenta agli zuccheri e attenta al glutine, senza rinunciare al gusto e alla gioia di mangiare un dolce.

Ho iniziato dai biscotti e qui mi sono fermata.  L’apparente semplicità di questo alimento mi ha rapita: poliedrico nelle forme, nelle consistenze e nei gusti, è possibile creare un dolce nel rispetto di ogni esploratore e del percorso alimentare che sta intraprendendo.

Ho iniziato formulando  qualche ricetta e a condividerla con gli amici e conoscenti. E dopo qualche tempo, si è fatta strada la volontà di realizzarli e poter condividere la ricerca dell’equilibrio nel dolce con altre persone che, come me, hanno la volontà di ascoltare il proprio corpo e si nutrono con la consapevolezza che la qualità batte la quantità, che l’equilibrio vince sulla privazione e che un piccolo gesto di amore verso se stessi può diffondere armonia e benessere.

Per questi motivi, da dieci anni, ogni giorno, realizzo biscotti con l’intento che possano diventare un gesto di amore quotidiano per tutti coloro che li scelgono

 

 

x

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Accetto Rifiuto Centro privacy Impostazioni della Privacy Leggi la nostra Cookie Policy
0
    0
    Carrello
    Il carrello è vuotoTorna allo Shop