IL NEGOZIO
Il Magnetismo che guida l’Ago della Nostra Bussola

La ricerca dell’equilibrio

Date

“La vita è come andare in bicicletta: se vuoi stare in equilibrio devi muoverti.”

A. Einstein

Per mantenere la propria stabilità, bisogna mantenersi in movimento.

Ma come? Su se stessi o verso una meta prestabilita? Oppure guardando avanti e affidandoci alle nostre sensazioni e al nostro sesto senso?

  • Come in un Sabato di Saldi

Ti sei mai trovato nella più illustre strada della tua città il primo sabato di saldi? Un fiume di persone che si spostano camminando a testa bassa, muovendo i piedi talmente veloci che sembrano non toccare terra. E tu ti trovi fra loro, in mezzo a questo flusso inarrestabile di persone, anche tu ad occhi bassi, mentre una vocina nella tua testa ripete: “Devi correre più veloce. Devi arrivare prima degli altri”. 

  • Il Passo del Granchio

Tuttavia, ad un certo punto avverti uno stato di malessere: misto di ansia e nausea e inizia a mancarti il respiro. Mentre ti domandi di chi è quella voce che non ti fa sentire a tuo agio, alzi gli occhi, ma nessuno sguardo da incorociare. Ti chiedi: “Dove sono?”, ma nessuno può rispondere, sono tutti troppo impegnati a seguire la corrente. E ti chiedi:”Dove sto andando?” e soprattutto:”Questo è il posto che fa per me?”. E ti togli dalla folla cercando un vicolo in disparte per riprendere fiato.

  • Il Battesimo del Viaggiatore

Forse non in un sabato di saldi, e forse non sarà eclatante, ma esiste un momento nella vita di ognuno di noi in cui accade un avvenimento che ci scuote dalla quotidiana normalità e ci fa alzare la testa.  In un attimo, ci guardiamo intorno con occhi nuovi e qualcosa in noi sussulta e ci fa mettere in dubbio ciò che è stato fino a quel momento il nostro cammino. “Chi si ferma è perduto” mi ripeteva la mia nonnina, in memoria di un’educazione ferrea ricevuta in un’epoca in cui non c’era tempo per farsi troppe domande e cercare le risposte poteva voler dire non sopravvivere.

Ma è questo il senso di quel movimento che suggerisce Einstein? Muoversi a testa bassa e affidarsi alla corrente? Oppure fermarci, prendere fiato, allinearci con noi stessi e proseguire il nostro cammino seguendo il filo invisibile che è la nostra rotta, che solo i nostri sensi sanno intercettare

Personalmente, preferisco pensare che sia il secondo. E tu ?

More
articles

x

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Accetto Rifiuto Centro privacy Impostazioni della Privacy Leggi la nostra Cookie Policy
0
    0
    Carrello
    Il carrello è vuotoTorna allo Shop